<<<<<  Sommario                     Come eravamo e come siamo  <<<<<  Sommario AMARCORD

 

                                         SA TREBBIA
                                                                                                                                     

Il trasporto all'aia   Su Carruconzu
Dopo la mietitura il grano o altro cereale veniva trasportato in un luogo che fosse allo stesso tempo solido con roccia sottostante pił o meno piana e, ventoso. I covoni venivano sfatti e distribuiti circolarmente sopra questo piano roccioso. Nel frattempo ci si muniva di un giogo di buoi che avrebbero tirato un grosso sasso di forma piatta che aderendo a terra sfregava le cariossidi liberandole dalle glume e glumelle. Quindi si aspettava l'alzarsi del vento e col forcone prima, si sollevava tutto all'aria cercando di separare la paglia dai chicchi. Poi, coi cestini, si prendevano i chicchi e sollevati pił in alto possibile si facevano cadere a terra, separandoli dalle parti pił leggere. A metą degli anni 50 del 900 arrivarono le prime trebbiatrici che alleviavano non poco il lavoro dei coltivatori.Il grano veniva portato in grandi spazi di raccolta comune. Esso veniva trasportato dal campo coi carri e, sistemato in grandi ammassi che poi in ordine di arrivo venivano portati, covone per volta, per essere trebbiati.

Dai campi il grano mietuto e, raccolto a gruppi di cinque covoni, veniva caricato sul carro a buoi e portato verso il centro di raccolta pił vicino. I covoni venivano sistemati con le spighe in gił e partendo dall'anteriore del carro si caricava a ritroso su pił piani, facendo attenzione a non rompere la cinta di chiusura anch'essa di grano o altro vegetale come i giunchi femmine e maschi o lunghi tralci di rovi. Una volta arrivati al luogo di stazionamento della trebbia si sceglieva il luogo in ordine di arrivo e si sistemavano i covoni secondo un certo ordine simile a terrazzamenti via via di misura pił piccola man mano che si procedeva in altezza, ottenendo una catasta, o meglio una forma tronco-piramidale a base quadrangolare.

  Daeboi dessa messadura dessu trigu o ateru laore, custu, beniat jutu a s'alszola, chi deviat esser unu rocalszu pius a mancu in paris, e bene bentuladu. Sos mannujos beniant ispraminados a s'intorinu. Peristantu si preparaijat su ju chi deviat trazare una bella pedra pesante chi deviat distacare sa pula dae su ranu de su trigu. Daeboi cando si pesaiat su bentu, cun su triutu bisonzaiat de bentulare pro nde distaccare sa paza dae su ranu chi bessende pius pesante falaiat a terra in su muntone ma, cumpare a pedrighedda e zinina. Cun sa covulas si leaiat su trigu e altzendechela pius in altu possibile, subra de sa conca, si faghiat ruer a terra ei su bentu faghiat su restu seberendende su criu. A meidade dessos annos chimbanta de su noighentos sun arrivadas sas trebbias chi ant alleviat non pagu su trabagliu dessos messajos. Si carrucaiat su trigu cun sos carros a s'alszola pius acculszu e si faghiant sos muntones o assentos chi unu a sa bolta, a mannnuju mannuju beniant trebbiados.

Dae su logu ue su trigu fit bistadu messadu e fatu a mannas de chimbe mannujos, beniat jutu cun su carru a boes e carrucadu a s'alszola pius aculszu. Sos mannujos beniant postos, cominzende dae nanti 'e s'iscala de su carru, a car'a a terra, e torrende a culimpissegus unu subra a s'ateru, cun sa massima atenzione a no segare sa presuras issas puru fatas dae su sede o ateras elvas, comente juncu masciu e femina o sanna de ru prontas a prendere. Arrivados a s'alszola de sa trebbia si seberaiat su logu, a segundu su tempus de arrivu de ognunu. Sos mannujos si poniant  a cara a terra unu, subra a s'ateru a pius pianos, sempere unu pagu pius minores de sue suta, manu manu chi s'andaiat in altaria pro fagher s'assentu.

 

 

<<<<<  Sommario                     Come eravamo e come siamo  <<<<<  Sommario AMARCORD