<<<<<  Sommario                     Come eravamo e come siamo  <<<<<  Sommario AMARCORD

COMENTE SI FAGHET SU CASU

 

Daeboi chi sas arveghes sunt istadas mustas, su latte beni coladu aintro su colu, dae sa cannada a su bidone.

lavlatte1.jpg (15447 byte) Tottu umpare benit betadu aintro unu labiolu mannu e portu a serenare, totta notte a su serenu, subra a duos fuschiddos e covacadu cun d'unu tappu mannu de bortiju. Su manzanu appoi si bi misciat sa murghidura de sa die e si giughet a sa pinnetta a lu tribagliare. In su mantessi labiolu si ponet a caddu a sa tribide in sa fogulaja e s'iscaldit fintzamentra chi sa calura non si resistit cun su cuidu. Duccas si leat su giagu chi est appicadu in su cannittu pro si affumare, e si nde leat su tantu pro sa cantidade de su latte. S' isgiolvet in d'unu bullilatte e sicche etat aintro su labiolu chi peristantu si nde faladu dae sa tribide e portu in terra in s'intorinu de sa fogulaja.
lavlatte3.jpg (16232 byte)Daeboi de una mes'ora su latte s'est giagadu; tando si leat sa moriga e si girat pianu pianu seghende sa giagada a bicculos mannos cantu unu ranu de triguindia. Sicche torrat su labiolu a caddu a su fogu allegrittu e si coghet fintzamentra chi sa calura non si resistit in su poddighe de sa manu. Si lassat pasare pag'ora fintzas chi sa calura si podet sopportare cun sas manos e s'intrat a pare totta sa giagadura pro nde fagher unu muntone mannu. A bicculos sinde bogat dae su labiolu e sicche tzaccat in sos aiscos, ue benit pressadu cunn sas manos pro nde ogare sa giotta.

lavlatte5.jpg (18153 byte)

  Dopo che le pecore sono state munte, il latte ottenuto viene colato dentro un colino, dal secchio al bidone.

lavlatte2.jpg (15110 byte)L'intera quantità viene messa dentro un paiolo grande e esposto al freddo della notte della rugiada, sopra due legni a V e coperto con un tappo grande di sughero. La mattina seguente si aggiunge il latte della giornata e il tutto si pèorta nella capanna per la lavorazione. Nello stesso paiolo si mette sul trepiede in ferro sopra il fuoco e si scalda fino a che il calore della massa non si resiste appogiandovi il gomito.Dunque si prende il caglio che è appeso al gratticcio di canne per l'affumicamento, con un tanto relativo ai litri del latte.Si scioglie dentro un bollilatte e si butta dentro il paiolo che nel frattempo si è sceso dal trepiede e messo accanto al luogo dove si trova il fuoco.

lavlatte4.jpg (19551 byte) Dopo una mezzora il latte si è cagliato, per cui si prende un legno adatto e si gira piano piano tagliando la cagliata a pezzi grandi come dei chicchi di mais. Si rimette il paiolo sul trepiede col fuoco più vivo e si lascia cuocere il tutto fino a che il calore si resiste col ditto della mano. Si lascia riposare il tutto per poco tempo fino a che il calore si può sopportarecon le mani e si compatta la cagliata  per poterne fare una massa unica. Si taglia dunque a pezzi togliendolo dal paiolo e si mette dentro le forme di metallo, dove viene pressato per farne fuoriuscire il siero.

lavlatte6.jpg (16414 byte)

 

<<<<<  Sommario                     Come eravamo e come siamo  <<<<<  Sommario AMARCORD