LA  TOMBA DEI GIGANTI

pag.7                                                                       

<<<    >>>

pag.1                                                                                                Nuraghi pag.32    

                                   LA TOMBA DEI GIGANTI DI "SU CADDALZU"

                                                      (ricostruzione a cura dell'autore)

Il sito in questione e rappresentato nel disegno, si trova delimitato dai seguenti territori: a nord dalla tenuta di "su Cobesciu", a sud da "su Pagliacco", ad est da "Truddariga", e ad ovest da "sa Tanca Ezza" ad una quota altimetrica intorno ai 400 metri s.l.m. Non si conosce il nome preciso del luogo, per cui lo chiameremo di "su Caddalzu", il luogo pių vicino e noto; vi sorge la "casa Baravaglia", una palazzina di tipo signorile che veniva abitata dai "signori" nel periodo vacanziero estivo, in quanto le fresche brezze estive (sempre presenti) bene lenivano il caldo torrido estivo.

Attraverso la ricostruzione di cui sopra si sono riportati fedelmente, il pių possibile, talune situazioni che potevano verificarsi al momento delle cerimonie che venivano eseguite dal sacerdote.

La tomba dei giganti di "su Caddalzu" ha il circolo cerimoniale (tutto visibile), costituito da un filare di grandi massi di trachite, vagamente squadrati e disposti a cerchio, che ha un diametro di circa sedici metri.Nella parte perimetrale rivolta ad ovest, il cerchio, da un unico filare, diventa doppio e si ingrossa sino a due metri, a voler rappresentare le corna del dio Toro, mentre proprio nella parte mediana, si diparte la camera sepolcrale che ha una lunghezza di oltre dieci metri. Quest'ultima in periodi non molto lontani, č stata scavata e la terra dello scavo č stata ammucchiata in modo da ricoprire le mura laterali.                                     

<<<       >>>