INVENTARIO DEI SITI ARCHEOLOGICI DELLE CULTURE PRENURAGICHE, NURAGICHE E ROMANE, ATTESTATE DALLA RICOGNIZIONE NEL TERRITORIO DI CHIARAMONTI.
DA MARIO UNALI

pag.4 di 4   <<<   <<<   

Domus de Janas
con schede tecniche 

  1. Bellimpiattu o Badu de Muzeres
  2. Cudinatos
  3. Culu de saccu
    4.Furrighesos (sos)
  4. Mesana (sa)
  5. Murrone (necropoli)
  6. Monte Pertusu (necropoli)
  7. Bardedu
  8. Moronzanos
  9. Peruchi o Badu Olta

11.      Pianos (sos)

12.      Sambinzos

 

Fortezze prenuragiche  
con schede tecniche

 

  1. Corrales Punta (dolmen)
  2. Murrone
  3. Punta de s’Arroccu

 

Betili e menhirs

 

Diversi e numerosi disseminati qua e lÓ, ne indicher˛ alcuni nei seguenti territori:

1. Cacchile,

Sa Tanca de su RE, Badde de Matta, s’Istria, Serra de Coloras, Massidda, Meddaris ed altri.

 

 

Necropoli romana
2.  su CÓnnau

 

 Sono presenti una decina di sarcofagi ottenuti dalla lavorazione di singoli megaliti.

Un altro, singolo  si trova in sa Tanca de su Re, e in sos Terrelas.

Tombe di giganti 

  1. Badde
  2. Cacchile
  3. Caddalzu 1
  4. Caddalzu  o Paddalzu
  5. Caddalzu 3
  6. Cobesciu
  7. Corrales
  8. Crastu Covaccadu
  9. Elighe Entosu (s’)
  10. Elighia

10.     Ena (s)
Figu Niedda II (sa)
 

11.     Figu NieddaI (sa)

12.     Midda Manna (sa)

13.     Monte s’Ozu I░

14.     Monte s’Ozu II░o
su Agantinu

15.     Monte s’Ozu III░

16.     Pisciu Accas

17.     Puddu (su)

18.     Serra de Coloras
o Culu de Muru

19. Tibile

     20.Truddariga


Tomba dei giganti di monte s'ozu

 

  

Circoli cerimoniali

  1. Culu de muru
  2. Leriga (sa)
  3. Luzanas (sas)
  4. Ortija (sa)
  5. Pedra Ilvena
  6. Tibile

 

Templi tipo megaron greco

  1. Giaganu dominigu
  2. Porchileddos


  3. Luoghi archeologici generali 

    1. Orria Pitzinna
    2. Cascata di Chirralza
    3. Sa Tumba de su Re
    4. Cascata di Moronzanos
    5. sa trona de su Re

Le chiese

1. Santa Giusta de Runaghe Longu
2. San Matteo Apostolo nuova parrocchiale
3.San Matteo Apostolo vecchia Parrocchiale

N.A: Come ho detto prima, quanto esposto Ŕ una sorta di verifica in corso d’opera; la ricerca Ŕ ancora in corso, anche se ritengo che essa si trovi ad un punto percentuale,valutabile  intorno al 90% dall’essere completata. L'Angius,in Casalis nel 1830 segnalava nel territorio di Chiaramonti circa 150 nuraghi (Norachi). Uno studio recente del Prof.Mauro Maxia ne riportava 114, e ,pi¨ o meno gli stessi risultati otteneva una ricerca fatta dal gruppo giovanile di Chiaramonti nel 1988, guidata da Don G.A Tilocca.Ritengo tuttavia che alcuni siti sono scomparsi coperti da detriti, o sotto l’azione inclemente del tempo e degli agenti atmosferici, ma, la maggior parte, in seguito ai lavori di miglioramento e di trasformazione fondiaria senza che le istituzioni, in particolare quelle comunali, verificassero la presenza di tracce, talvolta anche consistenti, (allineamenti, fondamenta, cocci etc.), non avendo una idea precisa del numero e della dislocazione dei siti nel territorio. L’IGM riporta meno della metÓ (45) dei nuraghi che io ho censito, niente di Domos de Janas, nÚ Tombe dei giganti e tutto il resto, che invece, io vi ho presentato e che spero abbiate avuto il gusto di leggere, non fosse altro per mera curiositÓ. Chi volesse, se ne fosse a conoscenza e ne avesse nel contempo piacere, mi pu˛ contattare per avanzare osservazioni e critiche, eventualmente insieme a nuove conoscenze, che gradir˛ moltissimo e che serviranno principalmente a integrare questo lavoro di ricerca che fa parte del patrimonio storico culturale di noi tutti chiaramontesi. Mario Unali.
Ringrazio il caro amico prof.Angelino Tedde per la cortese collaborazione.
 Chiaramonti 29 Agosto 2008

 

VAI alla Versione Inglese >>>>>>>>
a cura della prof.ssa LINA UNALI