<<<<<  Sommario                    AMARCORD: Come Eravamo Come Siamo

 

atto-di-vendita-spagnolo1.jpg (248323 byte) atto-di-vendita-spagnolo2.jpg (145775 byte)
Nel 1806 data del documento, il notaio A.J a nome di Francisco Migaleddu Pinna,vende a Antonio Luis Ruju per quarenta y uno escudos una casa baja in Claramonti.
atto-di-vendita-spagnolopat.jpg (59936 byte)I nostri nonni sancivano patti e vendita con la classica stretta di mano. In nome dell'onore e del proprio nome si conveniva a regole non scritte ereditate dagli anziani. dalla dominazione aragonese nel 1479, con sovrani prima aragonesi e poi Catalani, alla dominazione spagnola, dopo che è avvenuta la nascita del Regno di Spagna. Questo passaggio determina la definitiva fine del periodo medioevale sardo. La Sardegna passa, quindi, sotto il dominio spagnolo, e vi resterà, con alterne vicende, sino al 1713: ci lasciano in eredità retaggi di vario ordine e gli uffici amminitrativi dopo un secolo scrivono ancora cun sa limba istranza, che ci piacia o no, ha contaminato la nostra lingua sarda. Contaminazione per altro iniziata molti secoli prima da Fenici, Cartaginesi, Romani, Vandali, Bizantini, poi un pò di respiro coi Giudicati ma con le intromissioni di Genova e Pisa ecc.ecc.Per non farci mancare niente dopo gli Spagnoli gli austriaci e dulcis in fundo i Savoia.