<<< Noas e Betzas 2019

ARCHIVIO GENERALE >>>

Pozzo Nuragico o che cosa altro?

 

 

di Mario Unali.

 

Da tempo immemore avevo cognizione di buona parte del territorio del mio paese circa i suoi siti archeologici, sebbene lo frequentassi saltuariamente da studente,per motivi legati a piccoli lavori che, mi permettevano di contribuire marginalmente al bilancio della famiglia paterna, poi invece più a fondo, dopo gli studi superiori nel 1968 con stadia, tacheometro, teodolite e paline, tutte imprestate dal mio vecchio prof. Solinas  a rilevare il tracciato di una strada di penetrazione agraria che poi proposi al commitente sul cartaceo, ma più avanti sempre più frequentemente, fino all'avvento del digitale e del computer quando la cosa diventò sistematica e direi per certi versi ossessionante, passo dopo passo, per giorni, per anni a fotografare e mettere su files multimediali! Di nuraghi, runaghes in lingua logudorese nella variante anglonese, ne rilevai oltre cento, aiutandomi col lavoro sull'Anglona dell'amico Mauro Masia che ringrazio, più di venti siti a Domos de Janas, altre venti Tombe di Giganti e, altroancora che comprendeva due fortezze prenuragiche molti Menhir e altrettanti Dolmen: Perchè dico questo? Perchè mi mancava un, il pozzo sacro! Non me ne davo pace e mi sentivo irrettito verso me stesso per tanta scalogna. A dire il vero vi erano anche diverse fonti nuragiche e, altri manufatti tra cui la famosa "Niera" che ho postato qualche giorno fa e, che l'amica Piera Farina, grande Piera, mi ha fatto rilevare la forte somiglianza con altro manufatto simile che invece dovrebbe essere un pozzo sacro nuragico? Pensare che ci sono passato accanto più di 50anni fa, ma per me era quanto dichiarato dal pastore che vi conduceva il gregge e, appresso dai proprietari che sostenevano essere una Niera contenitore per la buona conservazione e qualità della neve che durava per diversi mesi e, poi consumata per fraganti granite dai signori, signorini e signorine che nelle calde estati, soggiornavano nella palazzina!

 

 

 

 

 

 

OZIERI: POZZO DEL VILLAGGIO MEDIOEVALE DI SANT'ANTIOCO DI BISARCIO
Medioevale...o...?
A poca distanza dalla Basilica medioevale di Sant' Antioco di Bisarcio e accanto al letto di un vecchio fiume (Riu Crastos Rujos), si trova il pozzo dell'omonimo villaggio medioevale. La sua forma inusuale colpisce il visitatore. Non è meta di visite frequenti, anzi è proprio dimenticato ed abbandonato a se stesso. Degrado ed incuria si sono impadroniti di questo monumento che forse è molto di più di un semplice pozzo. Siamo nel medioevo, periodo in cui forme e costruzioni non certo avevano forma piramidale; ma perchè questo pozzo ha questa forma? La costruzione della Basilica, e si presuppone anche del villaggio circostante, risale attorno all'anno 1000. Gli edifici, in quel periodo, erano di forma gotica o romanica ed è difficile trovare una costruzione di forma piramidale.

Piera Farina Sechi
Foto Brunu Sini /Piera farina
DIZIONARIO GEOGRAFICO STORICO STATISTICO COMMERCIALE DEGLI STATI DI SUA MAESTA’ IL RE DI SARDEGNA

Torino 1850.V. Angius in G.Casalis...Il territorio di Chiaramonti cresciuto con quello che era già di Bisarcio presenta un'area sufficiente per lo meno ad una popolazione quadrupla

 

 

 

 

 

 

P.S: Piera pubblicò questa notizia su Nurnet cui mi onoro di appartenete e, di condividere con tanti cari amici preparatissimi i prestigiosi traguardi raggiunti dalla associazionema, mio malgrado per motivi gravi familiari non ebbi modo di vedere e di seguire l'evolversi di questo e di altri lavori.

 

 

-

Vorrei tanto completare la mia cartina e, anche quella di Nurnet integrandola con questa aggiunta, così come ho potuto fare con le altre, si fa per dire, mie scoperte!

--
Petroglifi di alcune delle domus del territorio di Chiaramonti: Murrone, Baldedu, sos Pianos sa Midda de Josso, Bellimpiatu.

-- e tante altre ancora!