<<< Noas e Betzas 2019

ARCHIVIO GENERALE >>>
                                                               Tra storia e legenda, Santa Giusta  de Orria Pitzinna

Il culto di Santa Giusta in Sardegna (FONTE WEB)

chiesanGiustCamp.jpg (90482 byte)-chiesanGiustCanc.jpg (240464 byte)
Chiaramonti, chiesa di santa Giusta de Orria Pitzinna, il campanile a vela con incisa la data del 1790, il cancello che porta dietro la chiesa dove l'eremitano coltivava succosi ciliegi e verdi ortaggi, grazie alla presenza delle abbondanti e fresche acque delle numerose sorgive.

chiesanGiustOrria.jpg (257500 byte)

 

 

 

Alla giovane martire cristiana sono dedicate diverse chiese in tutta la Sardegna. Le principali sono distribuite in sei comuni, compreso quello di Santa Giusta. Si tratta delle comunità di Loiri Porto San Paolo, Calangianus, Chiaramonti, Gesico e Uta.


La chiesa campestre di Santa Giusta a Chiaramonti che, negli anni settanta subì un restauro, quantomeno superficiale e criticabile.

 

Nei paesi di Loiri Porto San Paolo (OT) e Chiaramonti (SS) vi sono delle chiese campestri. In particolare a Chiaramonti ve ne sono due, una è Santa Giusta di Magola o di Orria Pitzinna

 

 

chiesanGiustRLacq.jpg (97772 byte)

 

e l’altra Santa Giusta di Runaghe Longu, di cui rimangono pochi resti.

 

 

 

 

 

 

Chiaramonti, sopra:I resti di una probabile acquasantiera della chiesa campestre di Santa Giusta di Runaghe Longu, come cita il Gazzano in storia della Sardegna e poche altre fondamenta.

 

 

 

 

Nella parrocchia è conservata una reliquia formata da un pezzo d’osso lungo circa 15 centimetri, dichiarato “insigne” dall’arcivescovo di Sassari e restaurato nel 2008.

 

 

chiesanGiustFont.jpg (181474 byte)-chiesanGiustInter.jpg (89473 byte)-
Foto degli interni di santa Giusta sono di Giuanne Deperu che ringrazio per la concessione.

 

Negli altri centri, invece, troviamo delle chiese parrocchiali dedicate a Santa Giusta. A Calangianus  (OT) l’edificio religioso è citato per la prima volta in un documento storico del 1596, a proposito della pala d’altare realizzata dal pittore Andrea Lusso oggi conservata nella chiesa di Santa Croce. A Gesico (CA) la chiesa fu costruita tra il XV e il XVI secolo, ma il portale della facciata è del XVII secolo. La lunga costruzione dell’edificio è evidente nella combinazione di stili diversi: dal pisano al rinascimentale, passando per il gotico-aragonese. Infine, la chiesa in stile gotico-aragonese di Uta (CA) è datata agli inizi del XV secolo. Infatti, sull’arco del presbiterio vi è lo stemma della nobile famiglia spagnola dei Carroz, mentre un’altra data è incisa sulla cappella di sinistra.

 

--

Chiaramonti, chiesa di santa Giusta: piccola statua lignea (?) che, l'eremitano portava con se raccogliendo piccole offerte e che servivano in parte per i bisogni della chiesa e per lui stesso e i familiari. All'interno del muro perimetrale di fronte all'altare principale ci stanno murati quattro teschi...narra una leggenda che appartenessero ai quattro accompagnatori della santa che, a dorso di mulo trasportarono un ricco tesoro e dopo averlo sepolto fu loro tagliata (?) la testa. Sempre in proposito a tale fatto mi fu suggerita l'eventuale presenza dei templari.