<<< Noas e Betzas 2019

ARCHIVIO GENERALE >>>

 

Di Salvatore Patatu

Re Giorgio (su protzessu a su re Jolzi)

L'accusa Ŕ sempre la stessa: Giorgio Ŕ un superdotato e la moglie Mannena Ŕ supergelosa delle attenzioni che il marito rivolge alle belle ragazze.
Qui voglio raccontare un carnevale del 1954. Avevo allora 12 anni…

carrasciale1905.jpg (45933 byte)

 

 

 

 

FORRAMENTA ISAGERADA! TRECA BONA PRO BRUJARE A GIORZI
Cando su martis de Carrasciale s’afestaiat in modu francu e ladinu

In su 1954, Sevadore su cartzeraju, Giuanne su butighinaju e Costantinu su traperi si sunt trabulatzonados de tres res de oriente: unu nieddu che tura, unu grogu che fiore de cagarantu e s’Óteru ruju che puddu, ca nachi gai rapresentaiant totu sas zenýas de su pianeta, chena peruna ischirriadura de ratza. Giughiant un’Óinu cun una cravata chi li pendiat in tuju, intonada cun unu fiocu inghiriadu a una paglieta incravada in conca, cun duas istampas pro sas orijas; onzi tantu, nde moviat una chi pariat boghende sa fritza pro bortare a manca o a dresta. Sa prima arrumbada est a sa chentina de Cischeddu, a insubra de carrela de mulinu, chi aiat giÓ aparitzadu sa banca cun sas tatzas pro issos e sa gionedda pro s’Óinu chi, sididu comente fit, che nd’at tragadu una chi non l’at mancu bida.
Daboi tucant a domo de signor Pinucio, chi los fit imbarende e, de comente intrant, in su muru de fronte, b’aiat un’ispiju mannu meda e, bidŔndesi totos bator non si sunt connotos mancu issos e fint a proa a s’aviare, ca creiant chi b’aiat istranzos furisteris. S’apusentu ue los deviant retzire fit in su pianu de subra, ca su padronu de domo no ischiat chi giughiant un’Óinu. Ma non si sunt disisperados, Baldassarre li tiraiat sa fune cun su brigliotu e Gaspare e Melchiorre l’ispinghiant dae c¨rumos, fintzas chi che l’ant pigadu a subra. Totu est andadu ‘ene a pigare, ma a falare, cuddu Óinu, de iscalinas nde bidiat a su d˛piu, ca l’ant fatu bufare duos lavamanos de cosa e, illiscighende, est rutu tres boltas, a dŔminos de interr¨mpere sa festa. Ant giradu tota sa bidda e sunt intrados a imbisitare una trintina de domos e in onzi logu bufaiant su ‘inu a tatzones e s’Óinu a lavamanos. A ora de mesudie tucant a su tzilleri de Barabba e si setzint a giogare a mariglia; a s’Óinu sas cartas bi las giogaiat Bainzeddu, chi cumprendiat pius pagu de cuddu animale, chi, mancarri imbreagu, arroncaiat pro li nÓrrere chi deviat triunfare. Totu sos ch’intraiant saludaiant s’Óinu tostŔndeli un’orija, signu chi cheriant cumbidare a býere.
A sas duas, Pedru Su Cachi e Giuanneddu Lantadu, bestidos a fŔmina, falant a piata cun Giorzi corcadu in un’iscala, e, a ruca in manu, filende, pianghiant sa sorte de su re de carrasciale, ca sa zente lu cheriat brujare, pro more chi sa forramenta chi giughiat fit tropu bundante. Giuanne Mateu, cun unu sacu pienu de chijina, pariat semenende triughýndia, betŔndela a totu sos chi si li paraiant addainanti. Ciddone pigat a subra unu taulinu e prŔigat, difendende a Giorzi e nende de non lu brujare si nono finiat sa fal˛ldia.
”GiÓ lu ‘ido chi sa forramenta est isagerada”, narat, “ma Giorzi non nd‘at culpa, ca de cussa mannÓria bi l‘at fata sa natura. E poi, Mannena sa muzere non s’est mai lamentada de su disacatu! Antzis, onzi manzanu si nd’ischidat cuntenta che paba”.
Cando creiat de býnchere sa cÓusa, salvende a Giorzi dae sas fiÓmas de s’inferru, sa zent˛ria, imbreaga che supa, l’isvortulat su taulinu ue fit preighende e nde lu faghent r¨ere de malu ‘essu.
Totu cantende e ballende faghent su giru de sa ‘idda cun Giorzi sempre corcadu in s’iscala; e chie lu tirat, chie lu tortat, daboi l’inchijinant e, a ultimera, li ponent fogu. Tota sa zente s’inghýriat ballende e sos tres res cun s’Óinu infatu cantant e ballant paris cun sos Óteros sentza mai sŔssare de bufare.
De comente finit su fogu, sos tres amigos e s’Óinu sighint a imbisitare sas domos, ma, passende in su tirighinu de Chicu Lozu, addainanti a sa gianna de Sevadore, nd’istupat sa muzere, lu leat peddi peddi e che lu tzacat in domo, iscumpaginende sos tres res de oriente, chi ancora no aiant giutu sos donos a sa gruta de BellŔ.
”T˛rrannos a Baldassarre chi giughet s’intzensu pro su Bambinu”, narant sos Óteros duos disisperados.
E sa fŔmina, serrende su portale, lis rispondet: “Bazi e giughýdeli s’imbreaghera chi bos azis garrigadu a su Bambinu, chi chena s’agiudu sou non l’ispilides mancu in tota sa chida”.

TRADUZIONE IN ITALAINO
A cura dell’autore

ATTREZZATURA ESAGERATA! PER QUESTO GIORGIO VA AL ROGO
Quando il carnevale si festeggiava in modo genuino e spontaneo.

Il martedý di carnevale del 1954, Salvatore il calzolaio, Giovanni il barista e Costantino il sarto si sono mascherati da re magi dell’oriente: uno nero come la pece, uno giallo come il fiore della bambagella e l’altro rosso come la cresta del gallo, di modo che rapresentassero tutte le etnie del pianeta, senza alcuna discriminazione razziale. Con loro avevano un asino agghindato con una cravatta che gli pendeva dal collo, dello stesso colore di un fiocco che ornava una paglietta sulla testa, con due buchi per le orecchie; ogni tanto, ne muoveva una che sembrava la freccia di una macchina per indicare il cambiamento di direzione. La prima sosta presso la cantina di Francesco, nella parte alta della via del mulino, che aveva giÓ apparecchiato la tavola con i bicchieri per loro e un recipiente di sughero per l’asino, che, assetato come era, ne ha trangugiato uno senza neanche vederlo.
DopodichÚ si dirigono alla casa di signor Pinuccio, che li stava aspettando e, appena entrano nell’ingresso, dove c’era un enorme specchio a tutta parete. Vedendosi riflessi, mascherati com’erano, non si sono riconosciuti e stavano per andar via credendo che si trattasse di ospiti forestieri. La stanza dove dovevano essere ricevuti si trovava al primo piano, in quanto non era prevista la presenza dell’asino. Ma, salire le scale non era certamente un problema. Baldassarre tirava la cavezza e Gaspare e Melchiorre lo spingevano da tergo, fino a quando non sono riusciti a portarlo di sopra. Salire Ŕ stato relativamente facile, ma i guai sono cominciati al momento della discesa, in quanto il povero animale vedeva il doppio dei gradini, dopo aver bevuto due lavamani di vino e, slittando sul marmo lucido, Ŕ caduto tre volte, col rischio di dover interrompere i festeggiamenti.
Hanno girato in lungo e in largo per il paese, visitando una trentina di case e dappertutto bevevano il vino a tazzoni e l’asino a lavamani. Verso mezzogiorno entrano nella bettola di Barabba e si siedono intorno a un tavolo per giocare a mariglia; le carte dell’asino le giocava Bainzeddu che capiva meno del povero animale, il quale, nonostante fosse ubriaco, ragliando gli consigliava la carta da giocare. La gente che entrava salutava tirando le orecchie all’asino, per manifestare la volontÓ di offrire da bere.
Alle due del pomeriggio, Pietro il Cachi e Giovannino Lantadu, vestiti da donna, scendono in piazza col fantoccio di Giorgio sdraiato su una scala, e, con la conocchia nelle mani, filando, piangevano la triste sorte del re di carnevale, in quanto la tradizione prevedeva che fosse portato al rogo, colpevole di possedere l’attrezzo troppo abbondante. Giovanni Matteo, con un sacco sulle spalle pieno di cenere, sembrava seminasse granoturco, spargendola dappertutto contro chi gli si parava davanti. Ciddone sale sopra un tavolino e fa l’arringa in difesa di Giorgio, dicendo che non lo si deve bruciare perchÚ il fatto segnerebbe la fine della festa.
“Lo vedo anch’io che l’attrezzatura che porta Ŕ esagerata”, dice, “ma lui non ha alcuna colpa, perchÚ l’abbondanza Ŕ un dono di madre natura. E poi, Mannena, la moglie, non si Ŕ mai lamentata dell’inconveniente! Anzi, tutte le mattine si sveglia contenta come una pasqua”.
Quando credeva di aver convinto l’uditorio, vincendo la causa e salvando Girgio dalle fiamme dell’inferno, la massa della gente, in preda ai fumi dell’alcool, rovescia il tavolino su cui svolgeva l’arringa, facendolo ruzzolare in malo modo sul selciato. Tutti cantano e ballano per le vie del paese con Giorgio sdraiato sulla scala; e chi lo tira da una parte e chi dall’altra, chi gli butta la cenere e, alla fine, gli appiccano il fuoco. La folla gira intorno al fuoco ballando e i re magi, in compagnia dell’asino, cantano e ballano insieme agli altri, senza mai smettere di bere.
Non appena si spegne il fuoco, e gli altri vanno alla sala da ballo, i tre amici con l’asino continuano il giro delle case, ma, mentre passano nel vicolo di Chicu Lozu, davanti alla alla casa di Salvatore, la porta si apre di colpo, sbuca all’improvviso la moglie, prende di peso il marito e lo porta dentro senza che quello potesse opporsi minimamente, scombinando cosý il gruppo dei re d’oriente, i quali non erano ancora riusciti a compiere la loro missione portando i doni alla grotta di Betlemme.
“Restituiscici Baldassarre che deve portare l’incenso a Ges¨ Bambino”, gridano sconsolati gli altri due.
E la donna, chiudendo il portone, risponde:
“Andate da soli, e a Ges¨ Bambino portate in dono la sbornia che avete addosso, che senza il suo aiuto non la smaltite neanche in una settimana”.