IL PAESE

pag.10  

 <<<   >>>  

pag.1                                                                                                

Il nucleo familiare costituisce l'elemento fondante della società, sebbene negli ultimi tempi sia stato minato da nuovi fattori modernizzanti e da condizioni economiche sociali e politiche talvolta imprevedibili che nell'ultimo periodo ci hanno fatto vivere, e ancora oggi stiamo vivendo, momenti  gravi di incertezza e insicurezza.

Sarà pure un luogo comune, ma la visione di una famiglia di qualche decennio fa, si mostrava più unita, forte di sentimenti semplici e di principi sani che costituivano un legante indissolubile tra i suoi componenti.

Tanto lavoro per sfamare le molte bocche a casa, forti principi, laici o religiosi che fossero, il culto dell'amicizia, il rispetto reciproco per persone e cose, la solidarietà e poi il riposo dopo una parca alimentazione.  

 

  

                 

                  -gruppo familiare, in paese-                         -gruppo familiare in campagna-

 

        

                                                  -p.zza San Matteo: festa religiosa-

Le feste religiose erano il momento nel quale si poteva sfoggiare l'abito della domenica, possibilmente a cavallo, magari preso in prestito da chi viveva in campagna e ne possedeva qualcuno.

I bambini costituivano la componente più allegra e chiassosa della situazione, sebbene vi fosse nei confronti dei più grandi rispetto e attenzione, magari dovuta per forza, a scanso di qualche pedata o ceffone. Si partecipava comunque in maniera composta e attenta allo svolgimento delle cerimonie sia religiose che civili. 

                

Diverse e più numerose di oggi erano le cerimonie religiose, erano presenti anche diverse confraternite composte sia da donne che da uomini, così come erano diversi i motivi per cui ci si invocava al Santo per esempio perchè arrivasse la pioggia.

Quando l'inclemenza del tempo non faceva presagire una buona annata e le piogge erano in ritardo prefigurando così un cattivo raccolto si ricorreva all'intercessione del Santo attraverso il quale il Buon Dio avrebbe fatto piovere. Diversi anziani ricordano.........." non appena le persone demandate ebbero a muovere la Santa dal suo altare per portarla in processione il cielo si rabbuiò all'istante e un forte tuono rintronò dentro la chiesa stracolma di fedeli in preghiera.

<<<   >>>