IL PAESE

pag.15  

<<<  >>>                                                                                       

pag.1

-Chiaramonti primi 900-

So che diverse persone manifestano un certo interesse nei confronti del mio sito, per cui voglio sottoporre alla loro attenzione questa foto vecchia del nostro paese. A John e Mary  in California, Gabriel in Argentina scriverò loro a parte perchè non sono mai stati a Chiaramonti, non essendoci nemmeno nati. Ognuno di noi ripercorre con la memoria gli angoli delle strade che lo hanno visto correre e giocare, direi quasi ai giochi di stagione.....quasi come le frutta .....c'era il periodo adatto ad ogni gioco. Non vi sfuggirà l'ordine delle coltivazioni degli orti e degli alberi da frutta che si trovavano "in su fossu de funtana" che spesso venivano sottoposti a scorrerie ora dell'una ora dell'altra banda di ladruncoli. Si razziava solo per il gusto di farlo, ma anche perchè c'era l'appetito.  Non erano rare le incursioni fatte nelle zone del paese in cui si rivaleggiava con bande avverse, non disdegnando talvolta qualche scazzottata o furtarelli perpetrati a danno del "nemico". Che bello ripercorrere le strade con l'acciottolato ricordando il suono delle suole chiodate, e le voci delle donne e dei grandi impegnati nei lavori quotidiani a sistemare il bestiame nelle stalle e nei cortili accatastando la legna per l'inverno e la paglia con le balle del fieno; e il lezzo delle acque scaricate lungo la parte centrale delle strade, ma anche forti odori di soffritti e profumi di frutta conservate per l'inverno. Non era difficile scorgere attraverso le finestre socchiuse lunghi filari di salsicce e prosciutti e ancora appesi a spaghi ai travi del tetto i grappoli d'uva da conservare. Ma più forti e intensi i profumi dei fichi secchi con l'alloro e le prugne  essiccate, le varietà di mele antiche insieme ai dolci melograni con le melecotogne che impregnavano tutta la casa.  Tutto è un susseguirsi di pensieri, un turbinare di idee di cose e di persone, di sentimenti assopiti, ma ancora vivi nei meandri del corpo, della mente e dell'anima. Basta così poco a risvegliarli.......se poi ripercorri il tempo con altre persone di età diverse e con coetanei, diventa quasi un gioco a ricordare, a ricomporre insieme, le tessere di un mosaico che ormai è sbiadito e anche mancante di qualche tessera che non c'è più, che è andata persa, che il destino ha voluto non fosse più presente fisicamente ma solo con i ricordi della memoria. Grazie Carlo per la segnalazione.
<<<     >>>