S'Isposalitziu

tando ei como?
Certi usi e certe costumanze probabilmente stanno scomparendo o, meglio.............sono quasi scomparse. Per esempio quando ci si sposava, la madre dello sposo insieme al padre e ai parenti più stretti dava "la benedizione"....


s'auguriu chi ti fatto fizu meu
semper in sa vida t'accumpagne Deu,
cantu girat su sole ei sa luna,
deo ti auguro saludu e fortuna.

Dopo di che veniva rotto un piatto sbattendolo forte a terra. Questo conteneva grano, in chicchi, confetti caramelle e monete che venivano raccolti in segno ben'augurante. Infatti tutto ciò stava a simboleggiare benessere e salute.Sebbene talvolta con fare noncurante nei confronti di queste usanze, mostravamo onestà intellettuale e rispetto per i più vecchi che proponevano dei riti ai quali loro credevano molto. Non nascondo di aver comunque provato una certa emozione nel sentir recitare il genitore che insieme agli astanti tratteneva le lacrime a stento.

Con uno strombazzare di clacson e di voci di bambini festosi ci si recava a casa della sposa dove, insieme ad essa e, alla presenza dei genitori di lei, veniva impartita un altra benedizione che, nella fattispecie mia madre chiese al poeta locale e amico di lingua sarda Bainzu Truddaju, molto conosciuto nell'ambiente regionale.

“a chent’annos a chent’annos”
A chent’annos, a chent’annos!
Bazi cun bona fortuna
Penas non d’apedas una
E ne mai murrunzedas.
Semper’ene bos chefedas
Comente oe in sa vida:
un' istella pro guida
hapedas pro ponner pese
comente a sos tres reese
in sa grutta 'e su Messia.
Fizu meu e fiza mia,
de santu affettu bo ligo

bos baso e bos beneigo
in nomene de su Segnore.
Bazi como cun amore
a nd’hazis sos disizos, 
fizas happedas e fizos,
longu siat su caminu:
connoschedas pro destinu
finas pronepodes mannos…

a chent’annos a chent’annos