sommario >>>   
   HOME                                         PIANTE OFFICINALI 

FOTO N. SARDI
Tzaramontesu
N.ITALIANO N.SCIENTIFICO HABITAT APPLICAZIONI
Brundedda Elicriso Helicrysumitalicum tipica macchia mediterranea per lombaggini e artorosi. "Iffumentu" contro ilm mal di testa e malattie di raffreddamento. Si usava in passato data la grande diffusione per bruciare le stole del maiale, ma si poneva anche sopra i formaggi per allontanare le mosche.

CuriositÓ

pia-brundedda.jpg (308683 byte)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elicriso proprietÓ e curiositÓ: l’ELICRISO dal greco “helios” = sole e “Chrysos” = oro, per l’intenso color oro dei fiori che brillano alla luce del sole. I sacerdoti greci e romani lo apprezzavano tanto che usavano incoronare le statue degli dei con questi fiori che possiedono anche un’altra particolaritÓ: pur diventando secchi non si decompongono mai, resistendo nel tempo con grande brillantezza. La sottospecie del genere Helichrysum, l’italicum microphyllum Ŕ esclusiva della Sardegna, della Corsica e delle Baleari. La pianta, erbacea perenne, caratteristica della bassa macchia mediterranea, diffusa in luoghi incolti e pietrosi, assolati e aridi, si trova soprattutto in Sardegna, dalle coste fino ad oltre mille metri di altitudine, su terreni con una buona esposizione solare. Ha la particolaritÓ di essere completamente ricoperta da una fitta peluria biancastra che emana un aroma caratteristico. A questa pianta vengono riconosciute proprietÓ terapeutiche quali sudorifere, astringenti, antiasmatiche, come lenitivo antinevralgico e digestive. Nome sardo: a seconda delle zone, viene chiamata: Archimissa - Erva 'e Santa Maria, vrore 'e Santu Juvanne – Allu’ e fogu – Bruschiadina/u- Buredda - Uscradina/u e nel territorio di Santu Lussurgiu Frore de Santu Chirigu.